La Nostra Storia

1907-Anni 50

calcio1930Il Calcio Cavarzere e’ stato fondato nel 1907. Inizialmente la squadra cavarzerana si chiamava San Marco, poi negli anni cambiò spesso dicitura diventando Pro Italia, Monti (anni ‘30), G.Conti (nel dopoguerra), A.C. Cavarzere (anni ‘60), U.C. Cavarzere (1994) fino all’attuale A.S.D. Calcio Cavarzere dal 2006. Ci sono poche testimonianze del primo periodo; esistono alcune foto degli anni Venti che però testimoniano alcuni eventi. Del ventennio fascista ci sono documentazioni e articoli sui vari campionati denominati Uliciani. I gironi erano composti da poche squadre, soprattutto della zona. C’erano gia’ i derby con Adria, Taglio di Po’, Loreo e Bottrighe.

calcio1933Nel periodo della seconda guerra i campionati furono sospesi, si riprese nella stagione ‘45-46 con l’inaugurazione del nuovo campo sportivo di Ca’ Venier tra la formazione locale e la Serenissima Rottanova. Il Conti giocò la settimana successiva un’amichevole persa 4 a 1 contro il Venezia. In quelli anni si ricordano volentieri le vittorie contro Adriese e Rovigo. Nel ’47-48 il Conti arrivò agli spareggi persi purtroppo contro il Mirano; in quella stagione giocò il giovane Italo Allodi, futuro dirigente dell’Inter degli anni ’60. Gli anni ’50 iniziano con un campionato in promozione, con squadre delle province di Padova, Vicenza, Trento, Verona e Vicenza diventando quasi un girone Interregionale. Nel 1950-1951 esordisce a 17 anni il giovane Costante Mantoan che negli anni successivi scrivera’ la storia per i colori biancazzurri: naturalmente esordio bagnato con un gol nella gara contro il Thiene. Negli anni successivi il Conti gioca i campionati di Promozione, fino alla stagione 54-55 dove l’ultimo posto costò la retrocessione in Prima Divisione. Dato curioso, nel campionato ‘57-58 la squadra era composta interamente da giocatori cavarzerani. Nella stagione successiva esordisce a 14 anni Remo Frazzetto destinato ad una lunga carriera.

Anni 60-70

Nei primi anni ’60, giocati nel campionato di Prima e Seconda Categoria, si ricordano i derby con la rivale di sempre: l’Adriese. Nel ’65-66 la squadra si presenta al via con il nome A.C Cavarzere. In quegli anni gia’ sono presenti i fratelli Rizzo, Loreggia, Ronchi e Torso, giocatori che per molti anni indosseranno la casacca del Cavarzere. La stagione 70-71, con la ristrutturazione dei campionati, vede il Cavarzere ammesso in Promozione. Un brutto episodio segnera’ quella stagione e le successive: durante l’incontro con il Rosolina, succede una rissa in campo, tra i giocatori di ambo le squadre. Ne fa le spese solo il Cavarzere con la sconfitta a tavolino. Nel ’72-73 c’e’ un’altra retrocessione dalla Prima alla Seconda categoria. In quelli anni debuttano i giovani Gasparetto e Vettorello. Nel ’74-75 dopo quindici anni giocati tra i prof, ritorna Remo Frazzetto e il Cavarzere con un girone incredibile conquista la promozione in Prima Categoria. Dopo alcuni stagione in Prima, si retrocede ancora in seconda nella stagione 78-79.

Anni 80

amichevole_milanLa stagione ‘80-81 coincide con il ritorno di Costante Mantoan nelle vesti di allenatore dopo circa 20 anni di assenza. In quella stagione il 22 ottobre il Cavarzere affronta il Milan di Giacomini in un’amichevole che si conclude con il risultato di 5 a 1 in favore dei rossoneri. Quella gara e’ il preludio alla magnifica stagione dei ragazzi di Costante che chiudono il campionato imbattuti al secondo posto ottenendo il passaggio alla Prima Categoria. Nella stagione successiva lo sponsor ufficiale e’ l’Americanino e i tifosi iniziano a sognare. Ai vari Pianta, Gusella e Bertocco, si aggiungono Salvagnin, Marcolongo, Dal Pozzolo e Dino Vianello. Debutta anche un giovane Beltrame detto “Ronny” che fara’ parlare molto di sé negli anni successivi per la sua bravura.

mantoan_full-215x350La stagione ‘82-83 e’ la migliore sotto la gestione Mantoan. Con gli innesti di altri giocatori quali Berton, Piombo e Stefano Vianello, la squadra delle meraviglie vince a mani basse il campionato conquistando la Promozione dopo ben 12 anni. Le cifre sono importanti: 54 punti su 60 a disposizione, 66 gol fatti con Stefano Vianello capocannoniere del girone. Nell’anno successivo il Cavarzere sfiora la seconda promozione consecutiva sfumata per un solo punto. Rimane il record dei 2 anni senza sconfitte tra le mura amiche. Dopo alcuni anni passati ad occupare le parti medie della classifica e l’avvicendamento in panchina tra Mantoan e Scabin, nella stagione ’87-88 i biancazzurri conoscono la retrocessione, che coincide con la fine di un’epoca da ricordare per i tifosi cavarzerani. Si riparte l’anno successivo dal girone “D” di Prima con l’innesto di alcuni giovani del paese trai quali Augusti, Canato e Ferro; il mister e’ Adriano Rubinato. L’ultima di “Lino” Costante Mantoan alla guida del Cavarzere e’ nella stagione 89-90. La stagione non e’ delle migliori e vede il Cavarzere piazzarsi al decimo posto.

Anni 90

I primi anni del decennio vedono alternarsi alla guida della squadra molti allenatori. Inizia Ramazzotto, sostituito da Grande; poi e’ la volta di Seda che lascera’ a sua volta per Torso la conduzione della squadra. Il ’91-92 sara’ ricordato per lo storico derby contro i cugini del Canossa allenata da Rubinato e composta da molti ex giocatori del Cavarzere. Nel quadriennio successivo la squadra sara’ affidata a Pianta che nel 94-95 si aggiudicherà la Coppa vento superando in finale il Sona con i risultato di 2 a 0 all’andata e di 1 a 2 nel ritorno. Nel ‘95-96 quindi ritorna in Promozione grazie alla vittoria di Coppa. Ci rimarra’ fino alla stagione ‘99-00 dove un bruttissimo ultimo posto releghera’ la formazione allenata da mister Quaglio alla Prima categoria. In questo decennio esordiranno o faranno parte della prima squadra molti giovani locali; ricordiamo: Albiero, Bardelle, Bertaggia, Bressan, Biliero, Broggio, De Montis M., Gibin, Iseppato, Longhin A. e Longhin M., Mantoan A. e Mantoan R., Munari, Rizzo A. e Rizzo V., Ruzzon, Sella, Tacchin e Zanghierato.

Dal 2000 ad oggi

Inizia male il nuovo millennio che non porta molto bene ai colori biancazzurri; la squadra affidata a Franzoso conosce la seconda retrocessione consecutiva e cade in Seconda Categoria. La squadra e’ affidata a Gasparetto ex calciatore locale che nella stagione 2002-03 riesce a riportare in Prima Categoria il Cavarzere al termine di un campionato avvincente e combattuto con avversarie di livello come Ceregnano e Bottrighe. Non c’e’ stabilita’ in panchina. In due anni si alternano sulla panchina biancazzurra Brunello, De Antoni, Pianta, Birolo, Giudizio e ancora Gasparetto. A quest’ultimo e’ chiesto un miracolo. La squadra al suo arrivo e’ all’ultimo posto con un solo punto dopo ben 11 giornate. Riesce nell’impresa il tecnico cavarzerano che porta al termine del campionato la formazione biancazzurra al terz’ultimo posto. Sara’ una penalizzazione di 11 punti per un tesseramento errato a far retrocedere in Seconda il Cavarzere. Nel triennio successivo la conduzione tecnica e’ affidata a Tullio Crocco che riesce a raggiungere l’obiettivo dei play off. La stagione 2008-09 e’ molto travagliata. Il Cavarzere rischia di sparire dalla storia del calcio, ma grazie all’impegno di Dario Campaci e di Roberto Mantoan nelle vesti anche di direttore sportivo, vengono coinvolti nuovi personaggi e si rifonda l’attuale A.S.D. Calcio Cavarzere dando una certa stabilita’ all’ambiente. Nella stagione successiva ritorna Pianta allenatore, e la squadra centra il passaggio di categoria dopo i ripescaggi dalla classifica playoff. La stagione si era chiusa con un primo posto in coabitazione con la Villanovese che accede alla categoria superiore dopo lo spareggio vinto ai rigori contro i biancazzurri. Nella stagione 2010-11 la matricola Cavarzere sfiora il miracolo Promozione, concludendo al terzo posto la regular season, dopo essere stata anche in testa a poche giornate dal termine. Ai playoff cede lo scettro allo Scardovari che in virtu’ della migliore classifica passa il turno. Negli occhi degli sportivi rimangono comunque le gesta di alcuni giocatori quali Bertipaglia, Zambelli e De Montis Alessandro che gioca con la squadra del suo paese dopo molti anni di militanza in squadre di categoria superiori.
Dopo il ciclo Pianta, sulla panchina siedono Cominato e Michelon, entrambi esonerati a stagione in corso, ai quali subentrò l’allora Direttioe Sportivo Marco Guarnieri, che dalla stagione 2014/2015 siede ufficialmente in panchina.